Mappa Geografica del Niger

Mappa Geografica del Niger

Il Niger è uno Stato dell’Africa occidentale, con una superficie di 1.267.000 km², una popolazione di 20.670.000 abitanti ed una densità di 16 ab./km².
Il Niger è un Paese senza sbocco sul mare che confina a nord con l’Algeria e la Libia, a est con il Ciad, a sud con la Nigeria e il Benin e a ovest con il Burkina Faso e il Mali.
Il nome di questo Stato è dovuto all’omonimo fiume Niger che l’attraversa, mentre la capitale è Niamey, a sud-ovest del Paese e gli abitanti prendono il nome di nigerini (mentre nigeriani sono gli abitanti della Nigeria).
Il Niger è caratterizzato da un morfologia caratterizzata che nella porzione centro-meridionale del Sahara, tra l’Hoggar e il Tibesti, comprendende, oltre all’altopiano del Djado, l’elevato massiccio cristallino e vulcanico dell’Aïr, con altezze che superano i 2000 m.
Questo massiccio separa due ampie depressioni desertiche che sono il Ténéré ad est ed il Talak ad ovest, rispettivamente digradanti verso il bacino del lago Ciad e verso la valle del Niger.
La parte invece centro-meridionale del Paese è caratterizzata da una alternanza di brevi rilievi tabulari e depressioni, entrambi modellati in rocce sedimentarie di età mesozoica e terziaria.
All’interno dello Sato del Niger troviamo la breve porzione dell’estremità sud-orientale del lago Ciad.
Il bacino del Ciad è attraversato da numerosi affluenti quasi sempre asciutti (uidian), ad eccezione del Komadugu, immissario del lago, con acqua per circa 10 mesi all’anno. Il lago Ciad, situato al confine fra Niger, Ciad, Camerun e Nigeria, a una quota media di circa 282 metri, ha una superficie variabile nel corso dell’anno da circa 10.000 a oltre 25.000 km², a causa dell’intensa evaporazione. I principali immissari di questo lago sono lo Chari a sud e il Komadugu Yobe a ovest. La sua profondità è modestissima e varia da 1 a 6 metri, secondo la stagione.
A parte l’area di competenza del bacino del Ciad l’idrografia principale di questo Paese è legata al fiume Niger che si sviluppa entro i confini nazionali all’estremità sud-occidentale per circa 500 km, solo in parte navigabili a causa delle rapide che ne interrompono il corso e che si susseguono fino a Say.

A differenza di quelli di destra, gli affluenti di sinistra del Niger hanno carattere temporaneo, e sono quasi sempre asciutti.
Per quanto riguarda il clima del Niger, essendo questo Paese situato immediatamente a sud del tropico del Cancro, ha un clima prevalentemente tropicale desertico, caratterizzato da notevoli escursioni termiche diurne (si può passare durante il giorno da valori di 38 °C a 10-12 °C di primo mattino) e dalla scarsità di precipitazioni: in certe zone del Sahara non piove per anni. La fascia sud-occidentale e meridionale è invece interessata dall’influsso dei venti alisei provenienti dal golfo di Guinea, con conseguenti precipitazioni per circa 600-800 mm medi annui (750 mm a Niamey), concentrate durante la stagione estiva, e da una diminuzione delle escursioni termiche annue. Dal Sahara soffia, soprattutto durante l’inverno, l’harmattan, vento asciutto e caldo.

Flora –
La flora dell’area sahariana settentrionale è limitata alla vegetazione presente nelle oasi, dove cresce bene la Palma da dattero, che è ampiamente coltivata. Dove il deserto lascia il posto alla steppa del sahel predominano le graminacee, le euforbie e gli arbusti spinosi. Lungo la fascia sud-occidentale, dominata dalla presenza del fiume Niger, il paesaggio vegetale è rappresentato dalla savana arborata, dove predominano vari tipi di acacie e di baobab, karité e mogano.

Fauna –
Nel Niger la fauna delle zone desertiche è in parte comune a quella della steppa, ma limitata alle specie resistenti alla sete, come il cammello e l’antilope. In queste aree aride e torride vivo vari rettili che vi passano lunghi periodi in semi-letargo sepolti nella sabbia. Nella parte più meridionale invece vivono leoni, leopardi, sciacalli, gazzelle e giraffe, oltre a varie specie di uccelli e di scimmie. I margini dei fiumi e del lago Ciad sono popolati da facoceri e ippopotami.
La sezione nigerina del Parco Nazionale W, sulla sponda destra del fiume Niger, conserva invece un ambiente naturale e faunistico che risulta essere il più ricco dell’Africa occidentale.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *