Senegalia senegal

Senegalia senegal

L’Acacia del Senegal (Senegalia senegal (Britton)) è una specie arbustiva appartenente alla famiglia delle Fabaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Superdivisione Spermatophyta, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Sottoclasse Rosidae, Ordine Fabales, Famiglia Fabaceae, Sottofamiglia Mimosoideae, Tribù Acacieae e quindi al Genere Acacia ed alla Specie A. Senegal.
Sono sinonimi i termini:
– Acacia circummarginata Chiov.;
– Acacia cufodontii Chiov.;
– Acacia glaucophylla sensu Brenan;
– Acacia kinionge sensu Brenan;
– Acacia oxyosprion Chiov.;
– Acacia rupestris Boiss.;
– Acacia senegal (L.) Willd.;
– Acacia senegal subsp. modesta (Wall.) Roberty;
– Acacia senegal subsp. senegalensis Roberty;
– Acacia somalensis sensu Brenan;
– Acacia spinosa Marloth & Engl.;
– Acacia thomasii sensu Brenan;
– Acacia volkii Suess.;
– Mimosa senegal L..

Etimologia –
Il termine del genere Senegalia è in riferimento al Senegal, nazione dell’Africa occidentale, presumibile luogo d’origine delle piante di questo genere.
L’epiteto specifico senegal rafforza la provenienza e specificità di questa specie dal Senegal.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’Acacia del Senegal è una pianta originaria dell’Africa tropicale dove è ampiamente diffusa nelle regioni che vanno dal Senegal alla Mauritania e nell’Africa orientale fino all’Eritrea e all’Etiopia. La troviamo presente anche in Sudafrica, in Medio Oriente (Yemen, Oman) e in Asia (Pakistan, India) e, successivamente, è stata introdotta in Egitto, in Australia, a Porto Rico e nelle Isole Vergini.

Descrizione –
Senegalia senegal è una pianta con portamento che può assumere quello arbustivo o di un albero spinoso, deciduo, con dimensioni che possono fargli raggiungere i 15 m. di altezza.
La corteccia ha un colore che varia dal marrone giallastro al nerastro negli alberi vecchi. Le foglie sono bipennate e si alternano da ogni lato del gambo, con le foglioline che le compongono che sono disposte in 7–25 coppie, di forma da lineari a ellittiche – oblunghe.

Coltivazione –
L’Acacia del Senegal, come altre acacie, prediligi suoli anche aridi e comunque ben drenati ed in ogni caso si tratta di una pianta rustica ed abbastanza semplice da coltivare. Può essere, inoltre, coltivata oltre che in piena terra anche in vaso: ovviamente nel caso la pianta sia allevata in vaso, le dimensioni rimarranno molto contenute.
Per coltivare l’acacia all’aperto bisogna scegliere un luogo riparato dal vento e in pieno sole, mentre in appartamento va tenuta in una zona fresca e in posizione molto luminosa, anche al sole diretto.
per i dettagli della tecnica di coltivazione si rimanda alla seguente scheda.

Usi e Tradizioni –
L’utilizzo di questa acacia, come di altre acacie, risale alla prima dinastia egizia (3400 AC).
Questa pianta veniva utilizzata per fabbricare un inchiostro, costituito da un mix di carbone, gomma e acqua. Grazie alla compresenza di componenti idrosolubili e liposolubili, la gomma arabica ha delle proprietà emulsionanti. È quindi ampiamente utilizzata nell’industria come stabilizzante, addensante o agente emulsionante. Trova applicazione nell’industria tessile, nella ceramica, nella litografia e nell’industria cosmetica e farmaceutica. Il suo utilizzo più noto è senza dubbio come colla per francobolli. Nell’industria alimentare, si utilizza soprattutto nella produzione di dolci, prodotti da forno, prodotti lattieri e bevande gasate.
Dal punto di vista nutraceutico la gomma arabica ha un effetto bifidogeno e probiotico. Pertanto contribuisce a mantenere una flora intestinale sana.
La gomma arabica, che si ottiene da questa pianta, è una sostanza naturale formata da diversi componenti tra cui l’arabinosio, ampiamente utilizzata come additivo alimentare, nell’artigianato e come cosmetico.
La gomma si ottiene dall’addensamento della linfa alla sua fuoriuscita dalla pianta.
Per ottenere ciò si attua delle incisioni sul tronco della pianta. Le incisioni vengono eseguite a febbraio-marzo sulla corteccia degli arbusti con almeno 6 anni. Durante il mese successivo, viene raccolto ed essiccato l’essudato.
Da questa pianta si ottengono altresì fibre e legna, sia per lavori di falegnameria che per materiale combustibile.

Modalità di Preparazione –
Il principale prodotto della Senegalia Senegal è la gomma che troova notevoli applicazioni in campo alimentare.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *