Beefmaster

Beefmaster

La Beefmaster è una razza bovina (Bos taurus Linnaeus, 1758) originaria del Texas meridionale ad attitudine per la produzione di carne.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Sottoregno Eumetazoa, Superphylum Deuterostomia, Phylum Chordata, Subphylum Vertebrata, Infraphylum Gnathostomata, Superclasse Tetrapoda, Classe Mammalia, Sottoclasse Theria, Infraclasse Eutheria, Superordine, Laurasiatheria, Clade Ungulata, Ordine Artiodactyla, Sottordine Ruminantia, Infraordine Pecora, Famiglia Bovidae, Sottofamiglia Bovinae e quindi al Genere Bos, alla Specie Taurus ed alla Beefmaster.

Distribuzione Geografica ed Areale –
La Beefmaster è una razza bovina allevata soprattutto nelle aree più difficili del Texas ma è stata esportata in altri Paesi, anche oltre oceano e molto allevata nei paesi tropicali e sub tropicali.

Origini e Storia –
La Beefmaster è una razza di bovini da carne che è stata sviluppata intorno ai primi anni ‘30 del secolo scorso da Tom Lasater (il fondatore della razza), dopo che il padre Ed. C. Lasater creò la razza, da un incrocio di mucche Hereford e mucche Shorthorn con tori Brahman.
L’esatta miscela del bestiame di provenienza non è nota, ma si ritiene che contenga circa il 25% Hereford, il 25% Milking Shorthorn e il 50% Brahman.
Lo scopo di Lasater era quello di sviluppare bestiame che sarebbe stato più produttivo delle razze esistenti nel duro ambiente del Texas meridionale.
Il bestiame è stato così fortemente selezionato per l’ottenimento di alcuni caratteri quali: peso, conformazione, capacità di mungitura, fertilità, resistenza e disposizione.
Non è stata invece effettuata alcuna selezione per le caratteristiche che non influiscono sulla carcassa, come le corna, la pelle o il colore.
La Beefmaster fu riconosciuta per la prima volta dall’USDA come nuova razza nel 1954 e la sede dell’Associazione della Beefmaster è la seguente: Beefmaster Breeders Universal, San Antonio, Texas.

Morfologia –
La Beefmaster è una razza bovina che, sebbene non abbia uno standard per il colore, la maggior parte dei capi ha un mantello rosso o rosso chiaro, con macchie bianche screziate. Inoltre negli ultimi dieci anni i Beefmaster con mantello nero sono diventati molto popolari, tra gli allevatori, che usano la razza nei loro programmi di eterosi per il vigore degli ibridi.
In ogni caso l’altezza al garrese oscilla tra 130 e 150 cm.
Le corna di solito sono assenti ed il musello è rosso carnicino.

Attitudine produttiva –
I bovini Beefmaster rappresentano una razza versatile e multiuso, il che significa che possono essere utilizzati sia per il latte che per la carne bovina, anche se l’attitudine prevalente è quella della produzione di carne.
Si tratta di animali estremamente fecondi e produttivi.

Guido Bissanti

Fonti-
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Roberto Parigi Bini, 1983. Le razze bovine, Pàtron editore, Bologna.
– Daniele Bigi, Alessio Zanon , 2010. Atlante delle razze autoctone. Bovini, equini, ovicaprini, suini allevati in Italia, Edagricole-New Business Media, Bologna.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *