Ardea purpurea

Ardea purpurea

L’airone rosso (Ardea purpurea Linnaeus, 1766) è un uccello appartenente alla famiglia degli Ardeidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Sottoregno Eumetazoa, Superphylum Deuterostomia, Phylum Chordata, Subphylum Vertebrata, Superclasse Tetrapoda, Classe Aves, Sottoclasse Neornithes, Superordine Neognathae, Ordine Pelecaniformes, Famiglia Ardeidae e quindi al Genere Ardea ed alla Specie A. purpurea.
All’interno di questa specie vengono riconosciute le seguenti sottospecie:
– Ardea purpurea purpurea Linnaeus, 1766 – ampiamente diffusa in Europa, Asia e Africa;
– Ardea purpurea bournei Naurois, 1966 – endemica di Capo Verde;
– Ardea purpurea madagascariensis van Oort, 1910 – endemica del Madagascar;
– Ardea purpurea manilensis Meyen, 1834 – diffusa dal sud-est asiatico sino alle Filippine e all’Indonesia.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’airone rosso è una specie diffusa in Eurasia, Africa ed Indonesia.
In Europa, la distribuzione di questo volatile è concentrata prevalentemente nelle regioni centrali e meridionali. In Italia la specie è presente e nidifica regolarmente nella Pianura Padana, dalle Valli di Comacchio alla Laguna di Venezia, dal Mantovano alle principali aree risicole della pianura lombardo-piemontese. Si osserva anche nella piana tra Firenze e Pistoia. In prevalenza è nidificante e migratore, mentre il nostro Paese viene scelto solo occasionalmente quale quartiere di svernamento.
Il suo habitat è rappresentato da laghi di acqua dolce, costeggiati da canneti.

Descrizione –
L’ Ardea purpurea è un airone piuttosto grande, con una apertura alare che oscilla tra 120 e 150 cm. La lunghezza totale varia tra 80 e 90 cm ed il peso tra 500 e 1400 g.
Questa specie è di taglia leggermente più piccola dell’airone cenerino.
Il collo è lungo e marrone a forma di S con una striscia nera.
Si riconosce in quanto presenta un ciuffo di piume importante ed elegante che scende dal becco fino al collo, con una varietà cromatica notevole che va dal bruno al rossiccio, con la parte centrale nerastra, come il capo e la parte superiore del becco. Bruno-nere appaiono invece le parti inferiori, mentre altre importanti penne dorate emergono dal dorso.
La livrea, durante il periodo del corteggiamento, acquista un piumaggio molto più attraente, specialmente sulla parte del collo.

Biologia –
L’airone rosso è un uccello che tende a nidificare in piccole gruppi, generalmente composte da due o tre coppie a volte insieme anche ad altre specie (come l’airone cenerino, la sgarza ciuffetto, l’airone bianco maggiore o la nitticora). Il periodo è quello tra fine di aprile e l’inizio di maggio.
I nidi, che sono costruiti con canne o rametti di albero, vengono realizzati, di norma, all’interno di canneti o tra altre piante tipiche delle zone umide, ad un’altezza generalmente tra 0,5 e 1 m dal pelo d’acqua, sulla vegetazione prostata dell’anno precedente o su cespugli bassi ma possono essere posti anche sugli alberi fino a 25 m da terra. Entrambi i partner, intrecciano ingegnosamente sterpaglie e ramoscelli, costruendo un nido spazioso.
La nidificazione avviene tra aprile e giugno e la femmina depone 3-5 uova azzurre di colore verde macchiate di bianco. La covata annua unica e la schiusa è asincrona. L’incubazione dura 25-30 giorni e l’involo avviene dopo circa 45-50 giorni dalla schiusa.
Entrambi i genitori si prendono cura dei piccoli almeno fino a quando non hanno imparato a volare.

Ruolo Ecologico –
L’ Ardea purpurea vive esclusivamente nei canneti estesi di zone paludose con fitta vegetazione, ambiente ai quali è perfettamente adattato. Staziona su alberi o in acque aperte piuttosto di rado. Si nutre prevalentemente di pesci lunghi fino a 20 cm, ma anche di rane, sanguisughe, piccoli mammiferi e insetti (larve e adulti). Durante la caccia esplora fitti canneti con piccoli stagni e fossati, si apposta in acque basse per colpire la preda con un rapido scatto in avanti del collo.
Di solito è attivo al tramonto e all’alba e può vivere anche più di 20 anni.
In Italia l’Airone rosso è nidificante, migratore regolare e svernante occasionale. I movimenti migratori si svolgono tra agosto e metà novembre e tra marzo e maggio.
È una specie protetta ai sensi della legge 157/92. La minaccia principale è la distruzione dei canneti ma anche l’intensificazione agricola, l’uso di biocidi, ormoni e prodotti chimici, gli interramenti, le bonifiche e i prosciugamenti in genere, i riempimenti di fossi, canali, stagni, specchi d’acqua, paludi o torbiere, l’assenza di allagamenti, la riduzione o perdita di specifiche caratteristiche di habitat e la riduzione della disponibilità di prede (anche carcasse) (es. per rapaci).
Sistematica, Habitat, Biologia, Ruolo Ecologico …

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– C.Battisti, D. Taffon, F. Giucca, 2008. Atlante degli uccelli nidificanti, Gangemi Editore, Roma.
– L. Svensson, K.Mullarney, D. Zetterstrom, 1999. Guida agli uccelli d’Europa, Nord Africa e Vicino Oriente, Harper Collins Editore, Regno Unito.

Link per acquistare su Amazon



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *