Biomassa

Biomassa

Con il termine biomassa si intende un insieme di organismi animali o vegetali presenti in una certa quantità in un dato ambiente come quello acquatico o terrestre.
In generale la quantità di biomassa è la capacità di un determinato ecosistema di produrre massa organica attraverso processi eterotrofici ed autotrofici.
In sintesi la biomassa è il quantitativo di sostanza organica prodotta da un determinato ecosistema.
Le biomasse sono particolarmente importanti in due diversi campi: quello ecologico e quello delle energie rinnovabili, dove rappresentano una fonte di energia di origine biotica.
Vista l’importanza della biomassa la Direttiva Europea 2009/28/CE, ripresa da tutta la legislazione ad essa riferente, definisce la biomassa come “la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l’acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani”.
Sia nel campo ecologico che in quello energetico le biomasse rivestono una importanza fondamentale perché dall’utilizzo sostenibile delle stesse è legato il fabbisogno alimentare ed energetico dei sistemi sociali.

La produzione di biomassa non può prescindere dal mantenimento delle condizioni ecologiche di un ecosistema che sono legate a loro volta al mantenimento della biodiversità e della fertilità dei suoli.
Una produzione di biomasse che non rispetti questo principio, pur se rispetti aspetti di buon rendimento energetico, disattende i principi termodinamici dell’ecologia.
Il rapporto poi tra le biomasse prodotte ed i combustibili da esse derivati è legato all’emissione di anidride carbonica.
Le biomasse infatti emettono nell’atmosfera, durante la combustione, una quantità di anidride carbonica più o meno corrispondente a quella che viene assorbita in precedenza dai vegetali durante il processo di crescita. L’anidride carbonica in atmosfera è il principale responsabile dell’effetto serra e quella accumulata nelle biomasse, anche se era già stata in atmosfera negli anni e nei decenni precedenti, al momento del taglio della biomassa era tutta assorbita in essa e quindi non concorreva più all’effetto serra. Con la combustione delle biomasse tutta l’anidride carbonica in esse accumulata viene istantaneamente reinserita in atmosfera e questa immissione è particolarmente pronunciata nel caso delle biomasse forestali, ossia nella combustione di alberi, magari d’alto fusto che hanno accumulato anidride carbonica per decine o centinaia d’anni, abbattuti appositamente per essere bruciati. Se tutti gli alberi abbattuti e bruciati verranno sostituiti da altri, essi nel corso dei decenni potranno riassorbire tutta l’anidride carbonica rilasciata nella combustione e ciò permette di dire ai fautori dell’uso energetico delle biomasse forestali che il loro impiego ai fini energetici non provoca il rilascio di nuova anidride carbonica.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *