Acido erucico

Acido erucico

L’acido erucico il cui termine nella nomenclatura ufficiale IUPAC è: acido docos-13Z-enoico e la cui formula bruta o molecolare é. C22H42O2, è un acido carbossilico della classe degli acidi grassi alifatici monoinsaturi.
L’acido erucico è insolubile in acqua, è solubile invece in metanolo ed etanolo.
L’acido erucico è un componente tipico dei semi delle Brassicacee a cui appartengono, tra l’altro, la colza, da cui si ricava un olio importante nel settore alimentare e industriale, e la senape, i cui semi sono l’ingrediente tipico della mostarda.
L’acido erucico, in forma di estere glicerico, è contenuto fino al 50 % nell’olio dei semi di colza e di senape.
L’acido erucico è divenuto noto negli anni ‘70, quando una serie di studi condotti su giovani animali mammiferi ne sancì la tossicità a dosaggi elevati. In particolare, l’acido erucico si è dimostrato cardiotossico, con un aumento dei depositi lipidici nel cuore degli animali da esperimento.
Da allora si è lavorato alla selezione di varietà, a basso tenore di acido erucico, di cui una, ribattezzata canola – particolarmente povera di grassi saturi e acido erucico.
L’olio canola è un olio derivato da colza selezionata per contenere il tasso di acido erucico sotto al 2%.

Nel contempo, altre varietà di colza destinate all’industria chimica e meccanica sono state selezionate in modo da aumentare il contenuto in acido erucico dell’olio, importante – ad esempio – per il suo elevato potere lubrificante e la resistenza alle alte temperature.
Vista la sua tossicità per l’uomo, l’uso dell’acido erucico, in campo alimentare, a livello europeo è regolamentato con il Reg. UE 696/2014 che ne vieta la presenza negli alimenti. Il suo limite massimo è di 50 g/kg negli oli-grassi e negli alimenti con la loro aggiunta e 10 g/kg negli alimenti per lattanti e di proseguimento.
Tra gli altri impieghi diretti o indiretti dell’acido erucico ricordiamo:
– L’estere metilico trova impiego in gascromatografia come sostanza standard di riferimento in alcune applicazioni;
– Viene impiegato principalmente nella produzione di emollienti e tensioattivi;
– Dall’erucicato si ottiene l’erucamide, usato per la sintesi di film plastici. Inoltre si utilizza per la polimerizzazione del Nylon-13,13, più stabile del Nylon-12,12, di origine petrolifera.
– È parte integrante degli olii del biodiesel.
L’acido erucico è inoltre utilizzato per prevenire una forma di adrenoleucodistrofia. Dopo l’acido oleico è il componente principale dell’olio di Lorenzo.
L’olio di Lorenzo è una miscela di trigliceridi monoinsaturi, usata, come detto, nel trattamento dell’adrenoleucodistrofia per diluire la concentrazione, nel sangue e nei tessuti, dell’acido grasso saturo C26:0 (acido cerotico), altamente dannoso per la guaina mielinica.

Avvertenza: le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *