Lachnaea sex-punctata

Lachnaea sex-punctata

La Lacnea dai sei punti (Lachnaea sex-punctata Scop.) è un insetto di piccole-medie dimensioni della famiglia dei Chrysomelidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Sottoregno Eumetazoa, Ramo Bilateria, Phylum Arthropoda, Subphylum Tracheata, Superclasse Hexapoda, Classe Insecta, Sottoclasse Pterygota, Coorte Endopterygota, Superordine Oligoneoptera, Sezione Coleopteroidea, Ordine Coleoptera, Sottordine Polyphaga, Infraordine Cucujiformia, Superfamiglia Chrysomeloidea, Famiglia Chrysomelidae e quindi al Genere Lachnaea ed alla Specie L. sex-punctata.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Lacnea dai sei punti è una specie alquanto diffusa e comune soprattutto in Italia settentrionale. È una specie polifaga che attacca la rosa ed altre piante come erbacee ed arboree coltivate o ornamentali.

Morfologia –
La Lachnaea sex-punctata è un insetto di 6-8 mm di dimensioni, caratterizzato dal corpo allungato di colore nerastro e con le elitre di colore giallo-ocra scuro o nocciola; queste presentano sei macchie tondeggianti scure (tre per elitra).
Il capo, come il resto del corpo è nerastro, così come le antenne e le zampe.

Attitudine e Ciclo biologico –
La Lachnaea sex-punctata è una specie polifaga i cui adulti si comportano da voraci defogliatori ed, in alcuni casi, da antofagi deturpando direttamente il fiore. Gli adulti di questo insetto fanno la loro comparsa nel periodo tra la fine della primavera e gli inizi dell’estate, periodo in cui esplicano il massimo della loro attività potendo arrecare il massimo danno anche economico con la loro attività di erosione a carico dei fiori di rosa o altre piante ornamentali.

Ruolo Ecologico –
Questo insetto presenta una elevata polifagia potendo interessare diverse piante quali piante erbacee ed arboree coltivate o ornamentali.
È particolarmente diffusa nell’Italia settentrionale, dove negli ultimi tempi, forse anche a causa dei cambiamenti climatici, ha aumentato la sua presenza creando maggiori danni.
Come detto il danno è legato alla sua attività trofica, in particolare modo degli stadi adulti.
La lotta contro questo insetto, visto il periodo di maggiore presenza in estate non è semplice. Andrebbero fatti interventi istantanei, alle prime comparse primaverili per evitare di interferire con l’entomofauna utile.
Una volta che i fiori sono aperti qualunque intervento risulta, da un punto di vista ecologico, e quindi economico, peggiore del rimedio.
Per evitare massicce infestazioni si consiglia di non specializzare le colture ma di consociarle.
In casi estremi, e con le prescrizioni suddette, contro la Lachnaea sex-punctata, viste le sempre più ricorrenti infestazioni, si può ricorrere ad interventi chimici con prodotti a medio-largo spettro. Si ribadisce la necessità di non intervenire durante la fase fenologica dei fiori aperti ed in presenza di insetti pronubi o entomofagi.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Russo G., 1976. Entomologia Agraria. Parte Speciale. Liguori Editore, Napoli.
– Tremblay E., 1997. Entomologia applicata. Liguori Editore, Napoli.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *