Poa pratensis

Poa pratensis

La Poa pratense, o erba fienarola, (Poa pratensis L., 1753) è una specie erbacea appartenente alla famiglia delle Poaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Liliopsida, Ordine Poales, Famiglia Poaceae, Sottofamiglia Pooideae e quindi al Genere Poa ed alla Specie P. pratensis.
La specie presenta alcune sottospecie:
– Poa pratensis ssp. alpigena (Fries ex Blytt) Hiitonen;
– Poa pratensis ssp. colpodea (Fries ex Blytt) Tzvelev;
– Poa pratensis ssp. irrigata (Lindm.) Lindb. f.;
– Poa pratensis ssp. pratensis L..

Etimologia –
Il termine Poa proviene dal greco πόα póa erba, foraggio. L’epiteto specifico pratensis deriva da prátum prato: dei prati, in riferimento all’ambiente di crescita.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Poa pratensisè una specie molto diffusa e per questo talvolta considerata infestante in Europa, Asia, Nordafrica e Nord America; è comunque una specie a distribuzione originariamente eurasiatica oggi divenuta sub cosmopolita.
In Italia è presente in tutte le regioni dove cresce in prati da sfalcio, ma anche in siti disturbati lungo le strade, su suoli argillosi abbastanza profondi, sciolti, ricchi in composti azotati, da neutri a subacidi, dal livello del mare alla fascia montana superiore.

Descrizione –
La poa pratensis è una pianta erbacea perenne alta 30-70 centimetri. Ha foglie strette e lineari, lunghe fino a 20 centimetri e larghe 3-5 millimetri a forma di prua di barca; queste sono lisce o leggermente irruvidite, con una ligula arrotondata e tronca di 1-2 mm.
La radice è strisciante con presenza di rizomi.
Il frutto è un antecario con cariosside con ilo puntiforme. Spighette oblunghe o ovate, compresse, 3-5 flore di 1,5×4 mm, che si disarticolano sotto ogni fiore fertile. Glume persistenti più brevi delle spighette. Lemmi sparsamente pelosi, avvolti alla base da una lanugine ragnatelosa.
L’antesi è da maggio a settembre.

Coltivazione –
La Poa pratensis è una specie con largo spettro di adattabilità potendo crescere sia nelle zone di transizione che nelle regioni freddo-umide. Inoltre nel corso del tempo sono stati selezionati diversi ecotipi che si caratterizzano per una maggiore resistenza alla siccità dei periodi estivi oppure ai climi rigidi.
Per la coltivazione i prati di Poa pratensis richiedono una certa manutenzione per alcuni aspetti, mentre per altri necessitano di pochissime cure. Questa specie, infatti, si caratterizza per la grande resistenza all’usura e al calpestio e per l’habitus rizomatoso: di conseguenza si creano tappeti erbosi molto folti e che recuperano in tempi brevi gli eventuali danni causati dall’uso. Per questo motivo si opta per la semina di questa pianta in zone a intenso passaggio, dove altre tipologie di erba si rovinano facilmente.
In generale la Poa pratensis, negli impianti sportivi, forma un prato di grande valore estetico adatto a tutte le zone d’Italia. Resiste bene ai freddi invernali e ad una moderata aridità. Resistente al calpestio ed ottima per impianti sportivi e parchi pubblici; cresce rigogliosa anche in luoghi ombreggiati. Bisogna considerare comunque che germinazione e formazione del manto erboso sono un po’ lenti. Si semina in ragione di Kg. 3 per 100 mq di terreno.

Usi e Tradizioni –
L’ erba fienarola è una specie utilizzata per i tappeti erbosi sportivi ma è anche una buona foraggera. In generale la Poa pratensis è una graminacea che viene impiegata nei miscugli per prato capace di creare un tappeto erboso denso, persistente e con ottima capacità di ricupero.
Come detto l’ampia variabilità genetica di questa specie ha permesso di selezionare tipologie che si adattano molto bene anche ad aree calde e siccitose, con capacità di dormienza estiva nei climi più estremi e di rapido recupero della attività vegetativa ai primi segni di autunno.
La Poa pratensis richiede un certo livello di manutenzione in quanto vuole molto azoto e non sopporta i tagli bassi, inoltre fatica un po’ ad insediarsi alla semina, motivo per cui viene seminata in miscugli con loietto e festuca.

Modalità di Preparazione –
L’erba fienarola è una pianta ampiamente coltivata per la formazione dei tappeti erbosi, soprattutto di utilizzo sportivo ma anche utilizzata come pianta foraggera. Non ha particolari impieghi in campo alimentare umano o per scopi farmaceutici.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *