Acido formico

Acido formico

L’ acido formico il cui nome nella nomenclatura IUPAC è: acido metanoico ha formula bruta o molecolare: CH2O2.
L’acido formico è il più semplice degli acidi carbossilici e forma dei Sali che prendono il nome di formiati.
Il nome dell’acido formico deriva dalla parola formica. I naturalisti del quindicesimo si erano accorti già che certi tipi di insetti (i formicidi), come formiche, termiti, api e coleotteri, secernono questo composto responsabile dei loro morsi dolorosi. Inoltre, questi insetti usano l’acido formico come meccanismo di attacco, difesa e segnalazione chimica.
L’acido formico è un liquido incolore dall’odore pungente, è corrosivo e, se tenuto a contatto con la pelle, provoca ustioni, distruggendo l’intero spessore del tessuto cutaneo. È miscibile in glicerolo, acetato di etile, metanolo e acqua; è molto solubile in acetone. È un forte agente riducente.
La prima produzione dell’acido formico si ebbe nel 1670 dalla distillazione distruttiva di formiche.
L’acido formico viene utilizzato soprattutto come agente conservante ed antibatterico nei mangimi per animali d’allevamento.

Vaporizzato sul fieno o su altri foraggi, ne arresta alcuni processi di fermentazione. Nell’industria avicola viene a volte addizionato al mangime per eliminare i batteri della salmonella.
Viene classificato tra gli additivi alimentari con la sigla E 236.
I formiati, che sono come detto i sali derivati dell’acido formico, vengono impiegati invece nell’industria tessile, della carta, della gomma, della plastica e nella concia dei pellami. Alcuni suoi esteri trovano uso come aromi artificiali e come profumi.
In apicoltura viene utilizzato anche nella lotta contro la Varroa destructor ma la difficoltà e pericolosità di somministrazione ne limitano l’utilizzo.
In natura alcuni uccelli, tra cui il corvo e la ghiandaia, provocano pesantemente le formiche, che nel tentativo di respingere il molestatore gli spruzzano contro l’acido formico. Tale pratica è nota col nome di anting o bagno di formiche. L’uccello si serve dell’acido per liberarsi dei parassiti.

Avvertenza: le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *