Habitat

Habitat

Il termine Habitat deriva dall’etimologia della lingua latina è significa letteralmente “egli abita”. In ecologia quindi per habitat si intende, in maniera semplificata, il luogo in cui gli individui di una particolare specie, o di un’associazione di esse, si trattengono abitualmente.
L’habitat è quindi il luogo che possiede le caratteristiche fisiche ed ambientali più idonee ad una data specie di vivere, svilupparsi, riprodursi.
L’habitat è l’ambiente, all’interno del quale una popolazione di una specie o un’associazione di specie, trova le condizioni per riprodursi ed accrescersi nel tempo.
Habitat e nicchia ecologica non sono sinonimi. Infatti l’habitat indica il luogo fisico dove vivono le specie mentre la nicchia ecologica indica il ruolo della specie all’interno dell’ecosistema con i suoi ruoli e le sue funzioni.
Il termine habitat può essere usato più largamente in ecologia.

In origine, secondo Clements e Shelford – 1939, è stato definito come le condizioni fisiche che circondano una specie, o popolazione di specie, o raduno della specie, o comunità.
Per questo motivo l’habitat è più specifico non di una sola popolazione di specie, bensì di un insieme di molte specie, viventi nello stesso luogo.
Le interazioni biotiche o abiotiche su un habitat possono avere conseguenze più o meno rilevanti secondo il grado stesso delle interazioni, soprattutto in presenza di habitat molto ridotti dal punto di vista spaziale e in condizioni di habitat particolarmente delicate.
Tale interazioni cambiano l’assetto non solo delle relazioni delle singole specie con l’ambiente circostante ma anche tra le stesse specie per cui un particolare habitat può essere visto come una delicata macchina termodinamica il cui rendimento energetico viene ad essere variato ed alterato (da Come il Titanic – 2015, Guido Bissanti, Aracne Editrice, Roma).
L’alterazione di un habitat è pertanto un fattore rilevante che può far diminuire la popolazione di una specie e può metterla in pericolo o portarla all’estinzione, ma che allo stesso tempo potrebbe favorire altre specie, già presenti o nuove.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *