Boletus aestivalis

Boletus aestivalis

Il Porcino estivo o Porcino reticolato (Boletus aestivalis (Paulet) Fr. 1838) è un fungo edule della famiglia delle Boletaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Boletales, Famiglia Boletaceae e quindi al Genere Boletus ed alla Specie B. aestivalis.
È sinonimo il termine Boletus reticulatus Schaeff. 1774

Etimologia –
Il termine Boletus, secondo alcuni autori deriverebbe dal greco βωλήτης bolétes, con cui i Greci chiamavano una sorta di fungo (da βωλος bólos col significato di gleba, zolla, cespuglio, perché crescenti fra le zolle o luoghi cespugliosi); secondo altri il significato di βωλος è da intendere alla forma di palla, poiché il cappello della maggior parte dei funghi è globoso; secondo altri ancora deriva da Bolites nome con il quale i romani indicavano i migliori funghi eduli, anche se in origine riferito ai soli ovuli (Amanita cesarea), ma ben presto utilizzato per chiamare così anche i porcini.
L’epiteto specifico aestivalis deriva da estivo, per la sua presenza in estate.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Porcino estivo cresce soprattutto in estate nei boschi di latifoglia (soprattutto castagno e querce); è un fungo abbastanza comune ma molto ricercato.

Riconoscimento –
Il Boletus aestivalis si riconosce per un cappello di 4–20 cm, convesso, quasi appianato, di un colore nocciola brunastro uniforme che si screpola facilmente a causa del caldo secco e del vento; la cuticola è asciutta, opaca e vellutata. I pori sono alquanto piccoli, dapprima bianchi, quindi giallini ed infine giallo-verdastri nel fungo vecchio. I tubuli sono lunghi, sottili, bianchi poi tendenti al giallastro. Il gambo ha dimensioni di 8–15 cm x 2–5 cm, alquanto robusto, con forma cilindrica regolare ed ingrossato alla base, di colore biancastro, ricoperto completamente da un reticolo brunastro in rilievo. La carne è bianca, immutabile, tendente al giallo e con consistenza molle, odore fungino e sapore dolce. Alla microscopia si notano delle spore di colore scuro, tendenti all’olivastro, ellissoidali-fusiformi, di 12-16 x 4,5-5,5 µm.

Coltivazione –
Come tutti i boleti di difficile coltivazione; oltretutto essendo un fungo alquanto comune ne riduce l’interesse.

Usi e Tradizioni –
Il Boletus aestivalis è un fungo edule di ottima commestibilità e di gran pregio culinario. Questo fungo, per i meno esperti, viene confuso con altri boleti del gruppo dei porcini. Una sua particolarità, oltre agli aspetti morfologici e che spesso è attaccato dalle larve, numerose nel periodo stagionale in cui cresce.
Questo boleto è certamente il più profumato nel gruppo Edulis, che regala particolari sensazioni a molti raccoglitori, aprendo la stagione micologica dei migliori funghi commestibili, anche se preceduto dal Boletus pinophilus. Cresce in un periodo che va dalla tarda primavera fino alla fine dell’estate, purché le precipitazioni non siano scarse. Uno dei caratteri morfologici che lo differenziano da altri porcini è la cuticola del cappello che si screpola con grande facilità, anche a causa delle temperature elevate del periodo estivo nonché dell’esposizione prolungata al sole.

Modalità di Preparazione –
il Porcino estivo viene preparato e conservato come gli altri boleti eduli ma per  molti, per il suo particolare profumo, risulta di maggiore pregio.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Cetto B., 2008. I funghi dal vero, Saturnia, Trento.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *