Tecnica di propagazione per talea

Tecnica di propagazione per talea

La talea è il frammento di una pianta atto alla rigenerazione dell’intera pianta da cui è stato prelevato. Il più delle volte si tratta di un rametto ma anche anche da un fusto, da una radice o da una foglia, destinati a radicarsi e sfrutta il principio che le piante sono dotate di capacità rigenerative. Con la tecnica di propagazione per talea si ottengono piante identiche alla pianta madre.
Le talee si posso suddividere in quattro tipologie:
1. talee erbacee;
2. talee semilegnose;
3. talee legnose;
4. talee di radice.

 

1. Le talee erbacee sono quelle che vengono praticate, per lo più, in primavera e, comunque, non oltre il periodo di maggio-giugno. Queste talee si ottengono dal prelievo di una parte apicale di un ramo oppure utilizzando un rametto e si utilizza quando si vogliano riprodurre piante erbacee, perenni o arbusti di piccola dimensione. Non viene invece praticata per riprodurre alberi o arbusti di maggiore dimensione in quanto un germoglio giovane non ha molte sostanze nutritive depositate nei propri tessuti, per cui quando viene separato dalla pianta madre ha tempi di sopravvivenza brevi;
2. Le talee semilegnose, che si effettuano nel periodo estivo, vengono prelevate da un ramo giovane, ma che in parte ha già iniziato il processo di lignificazione. In questo caso il taglio va effettuato subito al di sotto di un nodo; si possono avere talee semilegnose apicali, in cui la cima del ramo viene tolta per evitare che la talea si sviluppi eccessivamente in altezza, oppure talee semilegnose di fusto, dove sono presenti nel rametto alcuni nodi. In ogni caso la lunghezza di una talea semilegnosa è tra i 10 ed i 15 cm. La talea semilegnosa va interrata per qualche centimetro facendo attenzione ad inserire almeno un nodo, da cui emergeranno le radici, nel composto di radicazione e procedendo all’eliminazione di eventuali foglie nella parte interrata;
3. Le talee legnose vengono prelevate nel periodo invernale o, comunque, prima che si abbia il risveglio delle gemme e, se vengono prelevate molto prima rispetto alla loro preparazione, conviene metterle sotto terra o sabbia umida. Con l’inizio della primavera si può procedere alla loro preparazione che consiste nel taglio obliquo, operato alla base, in modo da aumentare la superficie di radicazione;
4. Infine le talee di radice, che rappresentano un sistema poco praticato in quanto non sono molte le piante per cui esso è praticabile. Questa tecnica viene effettuata alla fine del periodo invernale o agli inizi di quello primaverile; con questo metodo viene prelevata una porzione dell’apparato radicale della pianta che si deve ripulire con molta cura per tagliare dei segmenti di lunghezza variabile fra i 10 e i 15 cm; i due tagli dovranno essere: orizzontale all’estremità superiore e obliquo in quella in basso.
A prescindere dal tipo di talea che si predispone ci sono delle procedure tecniche che vanno eseguite:
– è buona norma immergere le talee in polveri o composti contenenti ormoni radicanti;
– bisogna assicurarsi, quando la talea viene inserito nel substrato di radicazione, che il composto ormonale radicante non si stacchi dalla superficie della sua base;
– il substrato per la radicazione deve esssere composto principalmente da sabbia (preferibilmente silicea);
– il luogo (meglio una serra o un locale climatizzato) dove viene posta la talea ed il substrato devono avere un buon grado di umidità in quanto la talea, non essendo provvista di apparato radicale, ha una bassa capacità di assorbimento dell’acqua;
– dopo l’interramento delle talee nell’apposito substrato bisogna assicurarsi di garantire la giusta temperatura (20 °C) ed un buon livello di umidità.
Se avete eseguito attentamente ogni operazione, nel giro di alcuni giorni (dipende dal tipo di pianta) appariranno le prime piccole foglie; questo sarà segno che si sono formate le prime radichette ed a questo punto sarà possibile trapiantare ogni singola pianta.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *