Come propagare il limone per margotta

Come propagare il limone per margotta

La margotta è una tecnica di moltiplicazione agamica delle piante utilizzata in alternativa alla talea che consente di far radicare un ramo ancora collegato alla pianta madre.
Per questo motivo la moltiplicazione per margotta è un metodo di propagazione, utilizzabile negli agrumi, che genera nuove piante identiche alla pianta madre. A differenza di quanto avviene con la, nella margotta una porzione del ramo scelto per la propagazione viene fatta radicare senza che sia staccata completamente dalla pianta. in questo contributo vediamo allora come propagare il limone per margotta e la tecnica da adottare.
La propagazione per margotta è tecnica particolarmente utile sia per gli agrumi che per altri alberi da frutto; ricordiamo che è molto utilizzata per l’olivo, per il ciliegio e per il melograno. Per iniziare questa procedura bisogna intanto individuare il periodo adatto e la porzione di ramo più idonea per fare una margotta. Bisogna individuate un ramo sano e lignificato, togliendo le foglie ed ogni eventuale getto laterale per una porzione di 10 cm circa a 40-50 cm dalla parte terminale del ramo. L’operazione va effettuata con un coltello a lama disinfettata e affilata, praticando un’incisione lungo il tratto che avete prescelto. L’incisione deve avere una profondità pari ad 1/3 del fusto, lunga circa 6-8 cm e tenuta aperta con un distanziatore. Su questa è preferibile applicate un ormone radicante.

 

La parte sottoposta a questa operazione va avvolta poi con un terriccio molto umido, composto da terra umida, torba e sabbia; a questo punto si può rimuovere il distanziatore e si provvede coprire la parte con un sacchetto di plastica forato. Il ramo, così trattato va legato bene con della rafia in modo da creare una specie di manicotto. A questo punto bisogna tenere sempre umida la parte con un nebulizzatore (anche un semplice spruzzino) in prossimità dei fori della plastica, in modo che il terriccio sia nelle condizioni ottimali per l’emissione delle nuove radici. Il tempo necessario affinché si formino delle radici abbastanza lunghe e robuste varia da 2 a 6 mesi. Dopo questo periodo la sezione del fusto chiusa nella sacca sarà pronta per iniziare una vita vegetativa indipendente. A questo punto si può recidere il fusto alla base del manicotto, sempre con una lama affilata e disinfettata. Questa porzione con le sue radici, ed i suoi germogli, può essere prontamente trapiantata direttamente a dimora sul terreno.
Per quanto riguarda il periodo migliore per creare una margotta dipende dal tipo di pianta. nel limone la margotta si esegue normalmente dal mese di maggio a giugno; per altre piante, con sistema vegetativo differente, si può fare anche ad aprile o fino alla fine dell’estate. Il periodo scelto deve essere comunque quello più mite e caldo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *