Come si prepara una talea di agrumi

Come si prepara una talea di agrumi

La propagazione per talea è una delle più antiche agronomiche praticate dall’uomo ed anche con pochi accorgimenti ed un’attrezzatura abbastanza semplice si può imparare questa fondamentale tecnica agricola. In questa guida vedremo come si prepara una talea di agrumi e, soprattutto, i suggerimenti più utili.
Il primo passaggio da fare è quello di costruire una piccola serra (che poi potete utilizzare per tante altre attività di tipo vivaistico) e fare in modo di ombreggiarla (con reti ombreggianti acquistate nei negozi di agricoltura specializzati) in modo che i raggi del sole vengano filtrati. La serra potrà essere fatta di materiale leggero quali Canne comuni o, se la preferite più resistente e consistente in canne di bambù. Per evitare spifferi la serra va quindi coperta con film di polietilene facendo attenzione che sia accessibile tramite un’unica apertura ma ermetica. Basta una serra delle dimensioni di pochi metri quadrati e di altezza tale da potervi accedere ed ispezionarla.

 

Una volta avuta la struttura dove far radicare le talee si può passare alla preparazione vera e propria delle talee. Per preparare una talea si consiglia di prelevare una porzione di ramo con 4-5 occhi (su un rametto di 1-2 anni, dalla lunghezza di circa 15 cm), provvisto di due o tre foglie ed abbastanza retto. La base di questo rametto va immersa per pochi minuti in una miscela radicante a base di ormoni. A questo punto si passa alla seconda operazione; il rametto (o i rametti) vanno immersi in vasetti di dimensioni opportune (anche 10 x 10 x 10 cm) riempito di una miscela al 70 % di torba ed al 30 % di sabbia (possibilmente silicea). Orientativamente il periodo migliore per fare questa operazione va da maggio ad agosto.
Una volta predisposti i vasetti con le singole talee e posti nella serra bisogna avere l’accortezza di tenere costantemente umido il terriccio ed umida la superficie delle foglie per circa 20 – 30 giorni. Durante questo periodo le vostre talee formeranno in un primo momento un callo alla base e successivamente inizieranno ad emettere delle radici. Una volta emesse le radici le nuove piante saranno indipendenti ma per il trapianto bisognerà aspettare il periodo autunnale (intorno a novembre) oppure quello di fine inverno dopo le ultime gelate.
Con la propagazione per talea si otterrà un esemplare del tutto identico alla pianta madre ma, bisogna dire che non è adatta a tutti gli agrumi.
Alcuni difetti delle piante ottenute per talea possono essere quelli di presentare un apparato radicale debole e che quindi genera piante meno longeve.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *