Come coltivare le Dalie

Come coltivare le Dalie

Le Dalie (Dahlia Cav., 1791) sono un genere di piante che appartengono alla famiglia delle Asteraceae, di origini Messicane dove i tuberi vengono considerati commestibili.
Le Dalie comprendono sono specie erbacee con radici tuberiformi oblunghe, fusto eretto, spesso legnoso alla base, con un’altezza variabile tra i 20 cm e i 2 m; hanno foglie grandi composte, formate da 3-5 foglioline dentate, con fiori semplici o doppi molto decorativi di forma e colori vari.con forma e colori molto decorativi e variabili. In questa scheda vediamo come coltivare le Dalie, sapendo che il genere comprende 42 specie e che le varietà maggiormente coltivate derivano principalmente dalla D. variabilis e dalla D. juarezi. In floricoltura le Dalie vengono suddivise per gruppi omogenei, in base alla taglia, in base alla conformazione del capolino e in base alla quantità dei giri di ligule. Per la coltivazione delle dalie bisogna applicare alcune regale di fondamentale importanza, conoscendo intanto la fisiologia della pianta.

La dalia fiorisce in estate o autunno e può essere coltivata sia per bordure, aiuole, vasi (con dimensioni 30 cm di profondità e 20 cm di larghezza).la dalia si può coltivare anche in gruppi isolati e da coltivare per ottenere fiori recisi. Il terreno dove coltivare le dalie deve essere preparato in autunno, con una lavorazione a circa 30 cm ed incorporando un buon concime organico (ottimo il letame maturo o compost) e, se la reperite, un po’ di farina d’ossi. Successivamente ad inizio primavera si effettua una lavorazione di affinamento del terreno aggiungendo dell’humus di lombrico. Le dalie si impiantano tra metà marzo e metà maggio, a seconda della latitudine, quando non c’è più rischio di gelate tardive. Si scaveranno delle buche per una profondità di 10-15 cm. Le piante vanno distanziate secondo la varietà; per quelle più alte va lasciato uno spazio di 80-120 cm, per le medie di 50-80 cm, per le nane di 30-40 cm, con i tuberi collocati in modo che il colletto sia a 4-6 cm sotto il livello del terreno, dopo di ché si ricoprono con terreno leggero e friabile, compattando mediamente. Al momento dell’impianto vanno posti i tutori, di 100-120 cm. Una volta emerse le giovani piantine, si attende che i germogli raggiungono un’altezza di 8-10 cm; a questo punto vanno sfoltiti lasciando solo i tre più vigorosi e questa operazione va ripetuta ogni volta che spuntano nuovi getti. Quando i germogli raggiungono poi i 15-20 cm d’altezza, questi vanno cimati asportando l’apice al di sopra dell’ultima coppia di foglie; in questo modo si favorisce la formazione di cespi ben ramificati dalla base. Successivamente quando si formeranno i boccioli si può effettuare la sbocciolatura che però è facoltativa in funzione degli obiettivi della vostra coltivazione; asportando i boccioli laterali e ascellari che si formano in basso, si ottiene un minor numero di fiori ma ovviamente di dimensioni più grandi. Le dalie sono delle piante che richiedono molta acqua, per cui bisognerà mantenere il terriccio umido anche in profondità soprattutto durante la primavera e l’estate fino all’autunno. A fioritura avvenuta si può aggiungere ulteriore fertilizzante evitando di immettere azoto nitrico che favorisce lo sviluppo fogliare a scapito della fioritura, e rende i tuberi più sensibili ai marciumi e le piante più suscettibili ad attacchi parassitari.
Infine la gestione dei tuberi. Nelle regioni a clima freddo, i tuberi di dalia vanno ritirarti dal terreno; questa operazione si effettua a fine ottobre dopo la fioritura; si taglia la vegetazione a 50 cm, e di nuovo a 10 cm dopo dieci giorni. A questo punto con una vanga a forca si estirpano i tuberi che dovranno essere puliti, asciugati all’aperto per qualche giorno e collocati in cassette di legno su un solo strato, spolverati con un fungicida in polvere e coperti con torba secca. Andranno conservati poi in un ambiente fresco ed arieggiato.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *