Come coltivare la Centaurea

Come coltivare la Centaurea

La Centaurea minore (Centaurium erythraea Rafn., 1800) è una specie erbacea, annuale o biennale; vediamo quando e come coltivare la centaurea. Questa specie è oggetto di coltivazione in vari Paesi europei (Bulgaria, Ungheria, Paesi dell’ex Jugoslavia) ed in Marocco sia per gli impieghi officinali, sia per l’industria dei liquori. Raccolta nel periodo della piena fioritura (tempo balsamico in luglio) contiene glucosidi amari (eritaurina, eritrocentaurina, eritramina), un lattone (eritaurone), flavonoidi, triterpeni, tracce di alcaloidi piridinici e acidinici, alcol cerilico, fitosterina, inulina, acidi stearico e palmitico, un olio etereo, cere, gomme, tannini, zuccheri, ecc.
Per questi usi vengono preferite le piante più piccole 20-30 cm a discapito di quelle più grandi.

 

Per via della crescita molto lenta si preferisce impiantare da piantine ottenute in vivaio e successivamente porle a dimora in pieno campo. L’impianto si potrà fare con distanze tra le file di 50 cm e di 15-20 cm nella fila. Per avere investimenti più fitti si possono scegliere le file binate. La tecnica dell’irrigazione deve essere operata dopo il trapianto per favorire l’attecchimento, dopo il primo taglio per favorire il ricaccio e quando, per motivi di siccità, va fatta l’irrigazione di soccorso. Negli altri casi è da evitare per non diminuire gli aspetti qualitativi della pianta.
Per le operazioni colturali durante la fase vegetativa vanno effettuate le stesse che si operano per colture di pieno campo e cioè la sarchiatura, il diserbo meccanico; per la tecnica della raccolta si possono effettuare due tagli l’anno (giungo-luglio e settembre-ottobre) sulle sommità fiorite a circa 3 cm da terra. Si possono avere rese di prodotto fresco oscillanti tra i 30 ed i 60 q.li per ettaro che corrispondono a 8 – 15 q.li di prodotto secco. Si sottolinea che circa il 75 % del prodotto si ottiene col primo taglio.
Per l’essiccamento valgono le stesse regole per altre piante officinali e cioè l’essicazione all’ombra ed in locali ben arieggiati.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *