L’Energia Eolica

L’Energia Eolica

L’energia eolica è un tipo di energia rinnovabile (riconvertita in energia elettrica o meccanica) che si ottiene dalla trasformazione dell’energia cinetica del vento. Il termine eolico deriva da Eolo che era un personaggio della mitologia greca, dio dei venti, anche se nato mortale, divenne poi un dio ed i suoi figli presero il nome di Eoliani.
L’energia eolica è a tutti gli effetti una fonte di energia rinnovabile e pulita e non presenta emissioni dirette di CO2. La tecnologia eolica è oramai molto collaudata e può rappresentare una valida alternativa o di integrazione ad altre font energetiche. Il costo di questa fonte energetica è ovviamente proporzionale alle dimensioni degli aerogeneratori, ma la potenza aumenta in modo più che lineare. L’energia prodotta dai sistemi eolici è intermittente come l’energia solare e può contribuire a diminuire notevolmente il consumo di combustibile anche se da sola non può sostituire il fabbisogno energetico, ma si affianca ad altre tipologie di FER (fonti di energia rinnovabile).

 

L’impatto ambientale degli impianti eolici è visivo, soprattutto in proporzione alle loro dimensioni, e gli impatti dovuti al rumore, le interferenze sulle telecomunicazioni e gli effetti sulla flora e sulla fauna devono essere attentamente valutati e minimizzati in fase di progettazione. L’interferenza per es. nei riguardi del numero di uccelli non è dovuta solo a quelli che muoiono a causa degli impianti eolici, anche se molto inferiore al numero di volatili morti contro pali elettrici o a causa del traffico stradale, ma anche nei riguardi delle interferenze nelle loro rotte migratorie (e questo vale soprattutto per i grandi impianti eolici). Per questo va operata un’attenta Valutazione di Impatto Ambientale e, nel caso di Siti della Rete Natura anche Valutazioni di Incidenza Ambientale.
Molto importante è per questi impianti l’attenuazione anche del rumore che può essere diminuito migliorando la progettazione dell’inclinazione delle pale, la loro forma e l’isolamento acustico della navicella. A titolo informativo è bene sapere che vicino ai centri abitati un aerogeneratore non deve generare rumori superiori a 45 decibel (che corrispondono alle condizioni di quando si parla a bassa voce). In fase di scelta del sito dove porre un aerogeneratore è importante valutare attentamente la conformazione del terreno; se il terreno per es. è rugoso, con brusche pendenze, questo riduce la velocità del vento. In generale la posizione ideale per una singola pala o per un parco eolico deve essere in un sito con terreno poco rugoso, con pendenza tra i 6 e i 16 gradi; inoltre il vento deve essere presente quasi tutto l’anno e deve soffiare con una velocità di almeno 5,5 m/s (che corrispondono, nella scala di misura Beaufort, a una brezza, forza 3). Nel caso invece della progettazione di parchi off-shore la velocità del vento deve invece superare i 7-8 m/s (brezza vivace, forza 4); il sito deve avere bassi fondali (40-50 m) e gli impianti devono essere collocati almeno a 3 Km dalla costa.
L’energia eolica può trovare interessantissime condizioni di installazione soprattutto in integrazione ad altre fonti (come il fotovoltaico) per piccole utenze casalinghe o di aziende agricole (microeolico) in quanto il loro impatto e la loro funzionalità è molto elevata.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *