Come coltivare le bacche Goji in maniera biologica

Come coltivare le bacche Goji in maniera biologica

La coltivazione del Goji (Lycium barbarum L. e Lycium chinense) è possibile in tutto il territorio italiano; in questa guida vediamo come coltivare le bacche Goji in maniera biologica. Va sottolineato che la specie Lycium chinense è spesso usata per la coltivazione di goji da reddito ma è la specie Lycium barbarum quella che produce frutti dalle migliori proprietà nutrizionali. È una pianta che preferisce ovviamente, per le sue origini (Cina, Tibet ed altre aree asiatiche), un clima temperato ma sopporta temperature minime fino a -15 °C. si consiglia di mettere a dimora questa pianta durante i mesi primaverili mentre per la potatura si consigliano i mesi che vanno da novembre a gennaio. Questa pianta preferisce zone soleggiate e terreni di medio impasto ben drenati e tendenzialmente acidi anche se cresce in terreni leggermente basici o salini.

 

La messa del Goji può avvenire dalla metà di marzo a metà aprile, scavando delle buche profonde circa 15-20 cm. La concimazione deve essere con letame ben maturo o compost e va effettuata a fine inverno. Per quanto riguarda la potatura si dovrà provvedere a speronare a due gemme e rami che hanno prodotto i frutti durante il raccolto precedente; infatti siccome il goji fruttifica solo su rami giovani così, per favorire la crescita di nuovi frutti, è necessario procedere al taglio di quelli vecchi. L’irrigazione è indispensabile nei periodi estivi dalla comparsa dei primi caldi fino a necessità dell’andamento climatico.
Per la propagazione si può partire mediante talee semi-legnose con un periodo idoneo tra la fine di agosto e inizio ottobre. Dalla “pianta madre” sarà sufficiente tagliare con una cesoia ben affilata, un ramo giovane (di un anno) di circa 20 cm, interrandolo per i primi 10 cm in una vasetto dal diametro di 15-20 cm. Importante è che nella parte interrata dovranno esserci almeno un paio di nodi mentre nella parte superiore bisognerà contare almeno 4 foglie. Comunque sia, anche se più lenta, si può partire anche da seme. La raccolta delle bacche di Goji va dal mese di luglio fino a ottobre inoltrato. Visto il grande interesse per questa pianta oramai è possibile trovare nei vivai specializzati o nei consorzi agrari delle giovani piantine.
Le bacche possono essere consumate sia fresche che essiccate.
Anche se il Goji è una pianta molto rustica bisogna comunque porre attenzione sempre agli eventuali parassiti. Infatti Il fungo più insidioso per il Goji è sicuramente l’oidio (o mal bianco). Si può intervenire con zolfo in polvere. Per quanto riguarda altri parassiti possono creare alcuni problemi gli afidi (soprattutto nel periodo primaverile) e gli acari.
In questo caso, in aggiunta allo zolfo che tiene a bada anche gli acari si può utilizzare l’olio di neem che è un ottimo insetticida naturale ma che non danneggia soprattutto le coccinelle. Ovviamente il suo trattamento va fatto lontano dal periodo di maturazione dei frutti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *