Come coltivare la Feijoa in maniera biologica

Come coltivare la Feijoa in maniera biologica

La Feijoa (Acca sellowiana (O. Berg)) (sinonimo: Feijoa selloviana) o Acca – o ancora guayabo del Brasile è un arbusto sempreverde originario dell’America meridionale, che viene coltivato in Africa e in Australia ed è coltivato anche nell’Italia meridionale.
La feijoa è un arbusto di norma a più fusti, sempreverde a crescita lenta, che può arrivare fino a 4–7 m, con foglie scure, lucide, spesse, ellittiche, opposte e di lunghezza sui  cm. La pagina inferiore è feltrosa (finemente pelosa). È possibile fare infusi con le foglie essiccate; i fiori sono medio-piccoli, spesso raccolti a gruppi sono numerosi, di colore bianco rosacei. Dai fiori nascono dei frutti, di forma ovale allungata, lunghi 4-8 cm, di colore verde, talvolta soffusi di giallo o di arancio, commestibili, che maturano senza problemi nelle zone più calde italiane.

È una pianta che preferisce essere posta a mezza ombra. Le piante di Feijoa possono sopportare temperature vicine ai -10°C, anche inferiori per brevi periodi e possono resistere ai venti, anche salmastri.
Per l’impianto della Feijoa è bene scegliere un terreno ricco di sostanza organica, ben drenato e leggermente acido. La moltiplicazione della Feijoa può avvenire per seme, in primavera, anche se le nuove piante dimostrano una certa variabilità genetica; si possono pure predisporre in primavera delle talee, prelevate dai rami giovani.
Il sesto di impianto da adottare può essere 4×3 o 4×4. Prima dell’impianto scavare delle buche di 50 x 50 x 50 in cui porre 4-5 Kg di letame maturo o compost. Per questa pianta (pur se resistente alla siccità) le irrigazioni sono necessarie soprattutto per ottenere buone rese e buone pezzature,la cadenza del turno irriguo và determinata relativamente alla struttura del terreno. Interessante è la sua buona tolleranza ad una relativa salinità dell’acqua d’irrigazione. Per le concimazioni di mantenimento si dovrà optare per integrazioni tra sovescio con leguminose ed apporti di letame ben maturo o compost, in funzione del tipo di terreno o dell’integrazione col sovescio.
Per quanto riguarda le avversità la Feijoa è una pianta abbastanza resistente anche se può essere colpita dalla coccinella mezzo grano di pepe con cui si può intervenire con metodi naturali.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *