Olio essenziale di Sandalo – proprietà ed usi

Olio essenziale di Sandalo – proprietà ed usi

L’olio essenziale di Sandalo è un olio dalle proprietà molto importanti. È estratto dal Sandalo citrino (Santalum album L.) o dal Sandalo australiano (Santalum spicata); il primo è l’olio di sandalo indiano, il secondo è l’olio di sandalo australiano.
Sono due piante che appartengono alla stessa famiglia (Santalaceae) e quindi i due olii, che sono molto costosi, condividono molte proprietà simili ma anche alcune specifiche.
L’estrazione di quest’olio avviene a partire dalle radici di queste piante con una distillazione in corrente di vapore. È caratterizzato da un profumo dolce, balsamico e che sa di legno. I suoi usi sono molteplici, tra cui quello di profumo o deodoranti.

 

L’olio di sandalo è in effetti una miscela di numerosi composti; infatti l’olio ricavato dal sandalo australiano annovera circa 125 composti differenti e con particolari funzioni importanti.
Comunque sia, oltre perché conosciuto soprattutto per il suo profumo, le proprietà più interessanti sono in campo medico per le sue proprietà antimicrobiche e antiinfiammatoria.
Anche l’olio essenziale di sandalo indiano è noto per il suo profumo e per le proprietà medicinali e le peculiarità e proprietà di questi oli sono tali che l’olio ricavato dal Santalum album è in possesso di certificazione ISO 3518:2002 che attestano la possibilità di commercializzare quest’olio per le sue proprietà chimiche comprovate.
In definitiva l’olio di sandalo viene utilizzato per le seguenti terapie: raffreddori, bronchiti, disturbi della pelle, infiammazioni della cavità orale, debolezza generale, febbri, infezioni delle vie urinarie, infiammazioni della faringe e disturbi biliari. Di recente si è visto che possiede notevoli quantità di prodotti antiossidanti e anti-iperglicemici. L’azione antimicrobica invece è dovuta all’acido shikimico, composto presente anche nell’olio essenziale di anice stellato. Ulteriori usi sono quelli come afrodisiaco naturale, stimolanti e per migliorare gli stati umorali e nella cosmesi naturale trova applicazione per il trattamento delle impurità del viso ed eliminare l’acne.
Per una corretta sensibilità ai principi ecologici bisogna però dire che il massiccio sfruttamento del sandalo, soprattutto della specie Santalum album, ha messo a rischio di estinzione le piantagioni selvatiche. Infatti il sandalo è largamente coltivato ma l’unico problema è che il raccolto per l’estrazione e la produzione di olio essenziale è possibile solo con piante di 40 anni!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *