Come preparare il piretro in maniera naturale

Come preparare il piretro in maniera naturale

Il piretro è un insetticida di origine vegetale estratto dai fiori di alcune composite, tra cui il Piretro della Dalmazia (Tanacetum cinerariifolium (Trevir.) Sch.Bip.). Si tratta in effetti di una miscela di composti (esteri dell’acido crisantemico e dell’acido piretrico). L’azione insetticida si esplica attraverso meccanismi che interferiscono con il sistema nervoso centrale degli insetti, con azione sui gangli e sulle sinapsi.
Per ottenere questo insetticida naturale bisogna partire dalla coltivazione del Piretro della Dalmazia e per l’estrazione dei principi attivi vengono raccolti i fiori manualmente nel pieno della fioritura, quando il contenuto di piretrine raggiunge il suo apice. Il piretro produce grandi quantità di fiori che, una volta raccolti si pestano o si macinano ottenendo una polvere giallo-verdognola, detta “razzia”, sottilissima che poi va diluita in acqua: per le dosi le proporzioni consigliate devono essere di un cucchiaio raso di polvere di piretro in un litro di acqua.

 

Questa miscela va agitata bene prima dell’uso e poi irrorata sulle piante (quella che rimane va conservata in luogo buio). Le piretrine avendo una bassa stabilità alla luce, vanno irrorate sulle piante nelle tarde ore pomeridiane, al calar del sole.
Ma le piante da cui si estrae il piretro possono essere utilizzate direttamente nei nostri campi coltivati come repellenti per gli insetti di frutta e verdura. Basterà predisporre delle siepi di questi crisantemi a distanza regolari dalle coltivazioni. L’odore acre emanato da piretro coltivato agisce da repellente contro gli insetti dannosi. In questo modo non dovremmo distribuire l’insetticida derivato che, per quanto sia di estrazione naturale, è sempre un prodotto con una sua tossicità oltre che per l’uomo e gli animali anche per gli insetti pronubi (ape in testa). Nel caso in cui invece il piretro viene utilizzato come insetticida su frutta e verdura ricordiamoci di consumarli non prima di aver fatto trascorrere almeno 3-4 giorni. Una volta raccolti vanno lavati accuratamente il che consente l’eliminazione di questo insetticida naturale che, non essendo sistemico (cioè non penetra nei tessuti), può essere eliminato.
Il meccanismo di azione del piretro, non essendo selettivo solo per gli insetti, ha ovviamente conseguenze anche sull’uomo e gli animali; per questo motivo non va usato con superficialità e distribuito in momenti non ventosi, con maschere, occhiali e protezioni adeguate per la respirazione e per la pelle.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *