Macerato di ortica

Macerato di ortica

Il macerato di ortica viene preparato con le varietà di ortica che trovate nei giardini e nei campi. L’ortica che ha maggiori proprietà è quella raccolta in estate. Per la preparazione si può utilizzare tutta la pianta (fresca o essiccata). Le caratteristiche principali del macerato di ortica sono: favorisce la crescita delle piante e stimola lo sviluppo delle radici e arricchisce il terreno. Ma il macerato di ortica può essere utilizzato puro contro gli afidi, spruzzandolo sulle parti colpite dai parassiti (meglio nelle ore serali). Agisce anche contro il ragnetto rosso. Potrete impiegarlo direttamente sul terreno, per prevenire le malattie delle piante e  gli attacchi da parte degli insetti. Ma gli usi sono molteplici: è utile al momento del trapianto in quanto irrorato favorisce la crescita delle piante e la maturazione degli ortaggi. È utilissimo per fertilizzare, curare e prevenire le malattie degli alberi da frutto. Come fertilizzante, può essere spruzzato nell’orto o nei vasi anche una volta alla settimana.
Per preparare il macerato di ortica occorrono 10 litri d’acqua, 1 kg di ortiche fresche o 200 gr di ortiche essiccate.

Versate le ortiche e l’acqua in un recipiente non metallico. Si consiglia di avvolgere le ortiche in una garza traspirante, oppure in un telo o sacco di iuta, prima di immergerle nell’acqua. Questo agevolerà la filtrazione del macerato quando sarà pronto. Durante la macerazione, il recipiente deve rimanere senza coperchio (si consiglia di coprirlo con una retina per evitare l’introduzione di insetti o sporcizia e per l’arieggiamento. Posizionate in un luogo tiepido, all’aperto, lontano dal sole diretto. Per via dell’odore intenso del macerato di ortiche si consiglia di non metterlo in ambienti chiusi durante la preparazione.
Il macerato è maturo dopo 15 giorni (e per la sua conservazione, che può durare fino a 18 mesi, si consiglia di aggiungere al macerato un po’ di aceto, in una quantità pari al 2-4%). Trascorso questo periodo, potrà essere utilizzato sul terreno per stimolare la crescita delle piante e come fertilizzante (in questo caso va diluito in 10 o 20 parti d’acqua). Se il problema delle vostre piante sono gli afidi o i ragnetti rossi, potrete prelevare una parte del macerato, da spruzzare puro sulle piante, già dopo 12 ore. Potrete anche versare piccole quantità del macerato diluito sul compost, per accelerarne la maturazione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *