L’erosione del suolo in Europa

L’erosione del suolo in Europa

Secondo studi recenti, si stima che circa il 11,4% del territorio dell’Unione europea (UE) è colpito da una erosione del suolo di alto livello (più di 5 tonnellate per ettaro all’anno). Questa stima è leggermente inferiore rispetto alle stime precedenti, che il 16% del territorio dell’UE è influenzata da erosione del suolo. Questo diminuzione è dovuta principalmente all’applicazione di pratiche di gestione contro l’erosione del suolo che sono state attuate negli Stati membri negli ultimi dieci anni. Circa lo 0,4% del territorio UE soffre di erosione estrema (più di 50 tonnellate per ettaro all’anno).

1 – Classificazione erosione suoli causa acqua

2 – Perdita di suolo causa acqua

3 – Perdita di suolo in terre arabili

Il 12,7% dei terreni coltivabili in UE soffre di erosione da moderata a elevata. Ciò equivale a una superficie di 140 373 km² (più di tutta la superficie della Grecia).
Nell’UE i tassi medi di erosione del suolo provocati dall’acqua sono stati pari a 2,46 tonnellate per ettaro all’anno. La perdita totale del terreno annua è stimata a 970 megatonnellate.
Prati permanenti e pascoli occupano circa il 9,3% delle terre erosivi nella UE-28. Circa il 10% di quei pascoli permanenti soffre di erosione da moderata a grave, il che equivale a circa 38 900 km². Questo dimostra l’importanza di mantenere coperture vegetali permanenti quale meccanismo per combattere l’erosione del suolo.
Conservazione e gestione misure (lavorazione del terreno ridotte, la gestione dei residui vegetali e colture invernali, contouring, muri in pietra, margini di erba, ecc.) hanno avuto un impatto significativo sulla riduzione della perdita di terreno (9,5% in media) nell’UE nel corso dell’ultimo decennio.
Per erosione si definisce il logoramento della superficie terrestre da forze fisiche come la pioggia, acqua di scorrimento superficiale, vento, ghiaccio, cambiamento di temperatura, gravità o altri agenti naturali o antropiche che, di fatto erodono, staccano e rimuoveno suolo o materiale geologico da un punto all’altro della superficie della terra con depositi altrove. Quando si è in presenza di attività che creano pressioni sul suolo, l’erosione procede in maniera più rapida a causa di attività antropiche, in eccesso rispetto alla capacità rigenerativa naturale.

La perdita di terreno porta ad una diminuzione della materia organica e contenuto di nutrienti, la ripartizione della struttura del suolo, una riduzione del livello idrico del suolo, che può portare a un aumentato rischio di inondazioni e frane nelle zone adiacenti. Nutrienti e ciclo del carbonio possono essere significativamente modificati per la mobilitazione e la deposizione del suolo; il suolo eroso può perdere 75 – 80% del suo contenuto di carbonio, con conseguente rilascio di carbonio nell’atmosfera. L’impatto dell’erosione del suolo ha forti incidenze sull’ambiente e ha elevati costi economici; per mitigare questi effetti, sono necessarie strategie di conservazione del suolo e dell’acqua.
L’erosione del suolo per lisciviazione o impatto idrico è una delle forme più diffuse di degrado del suolo in Europa. La Mappa 1 mostra l’erosione idrica del suolo attraverso tutte le superfici del territorio nell’UE. Questa mappa presenta il livello medio di erosione idrica del suolo in aree amministrative da livello NUTS 3 con una gamma a partire da un livello molto basso (meno di 1 tonnellata per ettaro all’anno) ad un livello che è considerato il più in alto (più di 20 tonnellate al ettaro l’anno). La Mappa 2 rappresenta l’erosione di acqua stimato in tonnellate per ettaro all’anno, con una risoluzione al suolo di 100 m x 100 m in tutte le superfici terrestri dell’UE. Diversi paesi nella parte meridionale dell’Europa mostrano tassi di erosione medi significativamente superiori al valore medio per l’UE. Tuttavia, i paesi con bassi tassi di erosione medi possono contenere aree dove i tassi di erosione sono significativamente più alti (e, naturalmente, viceversa).

Nella UE, uno dei principali strumenti di politica per promuovere un’agricoltura più rispettosa dell’ambiente è stato introdotto dalla politica agricola comune (PAC) nel 2003, attraverso la cosiddetta condizionalità. Secondo questo meccanismo, i pagamenti di sostegno degli agricoltori sono stati condizionati dal rispetto delle norme ambientali, del benessere animale e della sicurezza alimentare. Ciò ha portato alla definizione delle buone condizioni agronomiche e ambientali (BCAA), in primo luogo istituite dal regolamento (CE) n 1782/2003 e, successivamente, del regolamento (CE) n 73/2009. La prevenzione dell’erosione e la manutenzione di sostanza organica del suolo erano due dei requisiti delle BCAA, che ogni Stato membro è stato obbligato ad affrontare attraverso norme nazionali / regionali quali: I) il suolo con minima copertura di manutenzione; II) la gestione minima delle terre che rispetti le condizioni specifiche del sito per limitare la perdita di suolo e III) la manutenzione del suolo con un sufficiente livello di sostanza organica attraverso pratiche appropriate, ivi compreso il divieto di bruciare le stoppie. L’applicazione delle BCAA nei terreni agricoli degli Stati dell’Unione ha contribuito a ridurre la perdita di suolo di molte aliquote. Dal momento che non c’erano dati statistici disponibili su ridotta lavorazione del terreno, copertura del suolo, residui vegetali, pratiche collaterali, terrazzamenti ed inerbimenti, prima dell’attuazione BCAA nel 2003, è stato ipotizzato che queste pratiche di gestione in precedenza non erano applicate o sono state applicate solo in misura molto limitata. Le BCAA hanno contribuito a ridurre l’erosione complessiva del suolo da 2,71 tonnellate per ettaro all’anno a 2,46 tonnellate per ettaro all’anno (diminuzione del 9,5%). La più alta riduzione della perdita di suolo a causa della implementazione delle BCAA si è avuta nelle terre arabili (riduzione media del 20,2%).
Aver aumentato la consapevolezza tra gli scienziati ei responsabili politici, sul problema del degrado del suolo attraverso l’erosione in Europa, ha dato i suoi frutti , dando, per tale motivo un’esigenza di decisioni urgenti. L’identificazione di aree che sono vulnerabili all’erosione del suolo può essere utile per migliorare le nostre conoscenze sulle dimensioni delle aree interessate e, in ultima analisi, per lo sviluppo di misure per tenere il problema sotto controllo. Italia, Slovenia, Austria, Malta, Grecia, Spagna, Croazia, Cipro e Romania hanno tassi medi più elevati rispetto alla media europea. Tuttavia, tali valori possono essere fuorvianti in quanto potrebbero mascherare il fatto che i tassi di erosione in molte aree possono essere molto più alti, anche per quei paesi che hanno un basso tasso medio di erosione. Il contrario è vero anche per i paesi con alti valori. D’altra parte, alcuni paesi, soprattutto nella parte meridionale d’Europa, sono chiaramente caratterizzati come particolarmente suscettibili all’erosione.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *